Biglietti 3D vintage

5.00

Biglietti 3D vintage

Svuota

Descrizione

Biglietti 3D vintage.
La fotografia stereoscopica è nata a metà del 1800 assieme alle prime fotocamere ed ebbe subito successo fino a quando non esplose il fenomeno del cinema. Riscontrò un nuovo interesse negli anni 50 del XX secolo e siamo orgogliosi di riproporla ai nostri clienti.
Le foto originali sono scattate con una macchina stereoscopica con due obiettivi e montate su di un biglietto con lenti, attraverso le quali la tridimensionalità dell’immagine stampata in color seppia crea un vero e proprio tuffo in un’altra epoca.
Il formato cartolina postale è al contempo molto funzionale sia come contenitore che come mezzo di comunicazione con il quale è possibile riproporre quella “magia” che incantava i nostri trisnonni.
Cartolina 3D e la sua vera storia
Era il 1992 quando la vidi per la prima volta: una bellissima scatola di legno, simile ad un vecchio binocolo. Un’anziana donna indiana l’aveva messa in vendita su di una coperta in un parco di Montevideo, in Uruguay. Premetti gli occhi contro le lenti e in quel momento mi ritrovai come sotto il sole caldo delle piramidi di Giza. Avrei potuto quasi toccarle! Rimasi subito affascinato!
La guardai solamente, non la comprai. Sapevo che non c’era spazio, nemmeno per un fazzoletto, nella mia valigia e di fronte a me c’era una rappresentazione teatrale di tre mesi in Centro e Sud America.
Alla nostra prossima fermata a Buenos Aires, nel quartiere antico, andai in un vecchio negozio di macchine fotografiche. Il proprietario, un ebreo di origine russa, mi mostrò diversi stereoscopi. Poi me ne presentò uno molto raro, realizzato appositamente per il Titanic.
“Di dove sei?” chiese. “Di Praga”, risposi. “Per favore, aspetta”, disse, poi scappò e tornò con un’immagine stereoscopica del Ponte Carlo e del Castello di Praga. Ero affascinato.
Dopo un po’ mi disse: “Non hai bisogno di uno stereoscopio. Compra una videocamera stereo! Non ho resistito. E così, è iniziato tutto.
L’idea è nata a casa, la mattina presto, mentre io ero mezzo addormentato. “Fatto!” ho mormorato a mia moglie. Per i successivi sei mesi, sono stato completamente preso – ho disegnato, tagliato, piegato, incollato … “Ma le lenti? “Niente è impossibile!”, mi dissi e andai da un mio vecchio amico per un consiglio. Mi fece conoscere un suo conoscente. Zdenek, un collezionista – un collezionista di tutto, piccolo di statura, con le scarpe un po’ logore e una giacca che aveva visto tempi migliori. Invece di una cravatta, una lente d’ingrandimento da bambino ondeggiava intorno al suo collo. Baciò educatamente mia moglie. Si sedette sulla sedia e iniziò a parlare di arte, matematica, astronomia e ottica. Era un uomo di conoscenza senza pari.
Ma dal momento che non sono un vero fisico, noi tre siamo andati all’Istituto Scientifico di Praga per un consiglio e fummo molto fortunati. Completamente per caso, abbiamo incontrato il fondatore dell’Istituto e l’inventore delle lenti a contatto, il professore ceco Otto Wichterle. Ci presentarono e sebbene il professore fosse appena uscito, si sedette di nuovo e iniziò a fare calcoli.
Dopo un momento, Zdenek si sporse timidamente sopra la spalla del professore e tossì piano.
“Professore … Dottore … se mi permette … Penso che ci sia un errore qui …”
Il professore alzò un sopracciglio per un momento e disse: “Amico, hai ragione.”
Pochi minuti dopo, Zdenek riprese a balbettare: “Dottore… Professore… mi scusi, per favore… ci potrebbe essere un piccolo errore lì”.
“Chi sei, amico?” Il professore tuonò.
“Pensionato, ex stuccatore degli Studi Cinematografici Barrandov”.
Il professore rise forte, stupito.
Mezz’ora dopo, con i nostri calcoli in mano, uscimmo allegramente dall’edificio
Poi le cose si sono svolte rapidamente. Abbiamo preso il nostro vecchio frullatore e della polvere dalle strade di Praga con cui abbiamo modellato lo stampo. Le prime lenti sono state cotte usando un righello da scuola di celluloide nel forno, in una casa situata nel bellissimo giardino barocco di Vrtbovská nel quartiere di Malá Strana. Queste prime lenti, veri pezzi unici, sono tutt’oggi conservate all’Istituto di Ricerca di Ottica e si possono vedere ancora i segni dei millimetri e le cifre del righello.
Quindi mi rimase solo da fare un piccolo modellino di carta, scattare delle foto di Praga e potei iniziare la produzione. Era il 1993.
Grazie per l’interesse dimostrato per la mia cartolina 3D e la sua vera storia.
Distinti saluti,
Jan Vít.

P.S .: Il professor Wichterle ha realizzato le sue prime lenti a contatto a casa utilizzando il kit per bambini Mercury. Le sue lenti sono utilizzate da milioni di persone in tutto il mondo tutt’oggi.

Informazioni aggiuntive

Peso 27 g
Dimensioni 10.5 × 14.9 × 0.4 cm